Di spiagge e di terremoti

Quando viaggi in bici, ti porti addosso tutto quello che hai. Un fragile guscio di chiocciola. Fermarsi, poter lasciare il guscio di chiocciola un attimo, è un lusso. Per questo partiamo da questa foto scattata dalla spiaggia di Nizza.

Su quante spiagge italiane potremmo permetterci lo stesso lusso? Portare giù le bici e lasciarle in vista, spogliarci e tuffarci senza preoccupazioni, poi fare la doccia e ripartire belli freschi?

Ahinoi, in quattromila km di spiagge, ben poche, come ha fatto notare anche la vituperata Europa. O come aveva notato Roberta Ferraris percorrendo il periplo della Sardegna.
Fermiamoci 2 minuti e 48 a dare la parola ad Assalti Frontali e proseguiamo.

Pedaliamo lungo la Promenade des Anglais e pensiamo a quella maledetta sera, quella del camion. Raggiungiamo i memoriali, sul lungomare e nel gazebo in giardino. Rigurgitanti di fiori e di peluche, lo sapete, non c’è bisogno di altre foto e non ne abbiamo fatte. Ma la sensazione che ne abbiamo ricavato è quella di una certa composta dignità, di un approccio più serio al dolore e alla rabbia.

Da pensare: ecco, questi vecchi colonialisti ci danno comunque due piste quanto a gestire simili momenti.

Poi torni a casa e scopri che, a poche centinaia di metri, quella stessa polizia che non aveva saputo fermare quel camion prima che entrasse nel viale a fare strage, si è messa d’impegno per spogliare una signora, soprattutto della sua individualità e dignità. A norma di legge.

Dignità. Autonomia. Indipendenza. Parole chiave che facciamo nostre umilmente, pedalando, conoscendo i luoghi, riflettendo su quanto sia facile portarle via. Ai profughi a cui viene proibito l’elementare diritto di decidere della propria vita e andare dove vogliono. E adesso a chi ha visto crollare la propria casa, il proprio paese. Ed ora tutto quello che possiede ce l’ha addosso, proprio come chi fugge, chi emigra, chi pedala.

A loro dedichiamo queste righe. Qui per fare qualcosa.

kobane_calling_zerocalcare
“Kobane Calling” – Zerocalcare
Il perché abbiamo postato la vignetta di Zerocalcare
Ecco perché abbiamo postato la vignetta di Zerocalcare
Social #2RR:

Leave a Reply

Siamo uomini o bot? *